mercoledì 4 aprile 2012

Facestrike: la decostruzione dell'Ego

Passate le prime 48 ore di Facestrike, lo "sciopero identitario" indetto da M.A.V. e Net.Futurismo che sta creando scompiglio su facebook.
L'istituzione attaccata da questo insolito sciopero è la più grande, la più reazionaria, la più pericolosa di tutte: l'Ego.
L'Ego viene esaltato ogni giorno in ogni canale comunicativo, a discapito del messaggio. Dai programmi televisivi alle bacheche dei social network, l'Ego rimane protagonista indiscusso e fine a sé stesso, gonfio come le mammelle di una vacca che necessita di una continua mungitura. Pensate solo a quanti programmi non offrono nient'altro che la presenza di qualche Ospite Prestigioso, qualche Attore Famoso, o a quanti sinistri individui riducono la propria presenza in rete a sterile spam per pubblicizzare sterili eventi, in cui nulla viene detto o fatto.
Gli aderenti al Facestrike, scambiando il proprio volto con quello dei propri amici o degli altri partecipanti, stanno colpendo il sistema ego-centrico e narcisista alle fondamenta, rimettendo in discussione - in modo giocoso ma neanche troppo - il nostro modo di vivere la comunicazione attraverso i media.
Una lezione di vita per chiunque, in cui Chiunque è il protagonista.

Nessun commento:

Posta un commento

Guardoni Fissi